Blog Agora
“Nessun killer dei gatti a Londra”: per Scotland Yard mistero risolto
Guido Minciotti

Per anni, la polizia britannica ha dato la caccia ad un killer di gatti che li decapitava nel sud di Londra. Adesso, il famigerato “Croydon Cat killer” è stato in qualche modo identificato, anche se la vicenda è più complicata di quanto sembri. Dal 2015, la polizia ha ricevuto centinaia di segnalazioni di gatti trovati mutilati, senza testa e coda. La gente del posto era preoccupata per i propri animali domestici, mentre i media ipotizzavano che ci fosse un serial killer di felini a piede libero. Nei giorni scorsi, invece, Scotland Yard ha riferito che dagli esami dei cadaveri di 25 gatti è emerso che sono stati uccisi in seguito al trauma inferto da un corpo non affilato, coerente con l’ipotesi che siano stati investiti da un’auto. Mentre le mutilazioni probabilmente erano opera di animali selvatici, come le volpi, numerorosissime nei parchi cittadini. Quindi, è stato spiegato, “non ci sono testimoni né prove che indichino il coinvolgimento umano” in tali mutilazioni. (foto Reuters)

2018-09-20t131042z_1419298530_rc1fcfa11440_rtrmadp_3_britain-cats

 

22 SETTEMBRE 2018 | 15:37
Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni