Blog Agora
Gorizia, la Gdf sequestra 34 cuccioli di cane dall’Ungheria
Guido Minciotti

Trentaquattro cuccioli di cane rinchiusi nei bagagliai di due utilitarie provenienti dall’Ungheria, ammassati in un cassone di legno e scatole di cartone, in evidente stato di maltrattamento e paura, privi di microchip per l’identificazione, sono stati trovati e sequestrati dalla Guardia di Finanza di Gorizia in due operazioni di controllo, svoltesi nei giorni scorsi. Gli animali – informa oggi la Gdf isontina – erano tutti di età inferiore alle otto settimane. Il primo veicolo, con a bordo un uomo di 38 anni e una donna di 52, entrambi ungheresi e domiciliati in provincia di Rovigo, è stato fermato nei pressi del casello autostradale di Villesse, dove il cane antidroga “Caboto” ha segnalato la presenza dei cuccioli; sette bouledogue francesi, tre maschi e quattro femmine, tutti dal mantello fulvo. Nel secondo caso, invece, il fermo è avvenuto nei pressi del valico confinario di Sant’Andrea. In un’autovettura guidata da un uomo di 33 anni assieme a una donna di 42, residenti a Napoli ma domiciliati in provincia di Frosinone, sono stati trovati 27 cuccioli, tra cui sette bouledogue francesi, tre jack russell terrier, 13 chihuahua (di cui due sono poi morti) e quattro pincher maschi. Le quattro persone sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Gorizia per maltrattamenti e introduzione illegale nel territorio nazionale di cuccioli di cane. Il valore dei piccoli animali viene stimato fino a 500 euro cadauno in alcuni casi. I primi sette cuccioli (foto sotto) sono stati affidati al Polo Zooantropologico dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste e al canile di Udine gli altri 27 (foto sopra, Ansa).

Gdf Gorizia sequestra 34 cuccioli cane da Ungheria

20 GIUGNO 2018 | 07:09
Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni