Sicurezza e Privacy
Criptovalute, dopo Apple anche Google mette al bando le app che fanno «mining»
Img Description

Dopo Apple, anche Google mette al bando le applicazioni che fanno “mining”: l’attività che consente di produrre criptovalute. La compagnia di Mountain View ha aggiornato le linee guida per gli sviluppatori e vietato la presenza di queste app sul Play Store, il negozio virtuale di Big G. «Sono vietate le app che consentono il mining di criptovaluta sui dispositivi. Sono consentite le app che gestiscono da remoto il mining di criptovaluta», si legge nel centro norme per gli sviluppatori.

GUARDA IL VIDEO / Le monete digitali sono un complotto. Ma anche no.

Una modifica analoga è stata introdotta il mese scorso da Apple, che ha dato lo stop alle applicazioni per “coniare” bitcoin e altre monete virtuali su computer Mac e dispositivi mobili. Le uniche applicazioni di mining accettate, secondo le
nuove norme della Mela, sono quelle che lo fanno fuori dai dispositivi, ad esempio nel cloud. Le regole non vietano la presenza di app che fungono da 'portafoglio elettronico' delle criptovalute, purché offerte da sviluppatori iscritti come organizzazioni.

Come funziona il mining
Il mining (letteralmente: estrazione) è il processo di generazione delle criptovalute, le monete virtuali che hanno conosciuto un’esplosione globale negli ultimi anni. I cosiddetti miners sono operatori incaricati di certificare le transazioni sulla blockchain attraverso la risoluzione di calcoli matematici di grande complessità, servendosi di software dedicati. L’attività è di competenza semiesclusiva di operatori specializzati, anche per ragioni di costi e attrezzatura, mentre gli investimenti in cryptocurrencies hanno iniziato a proliferare fra un pubblico di non addetti ai lavori. Il bitcoin, la moneta virtuale più celebre, è arrivata a sfiorare un valore di 20mila dollari, prima di ripiegare su valutazione più contenute. Oggi è prezzata intorno ai 7mila dollari.

La stretta sulle pubblicità ingannevoli
Non è la prima volta che Google avvia una stretta sul mondo delle valute digitali. Già a maggio l’azienda aveva bandito dalla sua piattaforma pubblicitaria le inserzioni ingannevoli sulle Ico (initial coing offering), le offerte iniziali di monete digitali che ricalcano il processo delle quotazioni di Borsa. La “censura” di Google si era concentrata sugli annunci che promettavano guadagni immediati in cambio dell’acquisto di una serie di criptovalute, facendo leva sulla scarsa conoscenza della materia e la prospettiva - truffaldina - di un incasso a colpo sicuro. In precedenza anche Facebook si era mossa in maniera simile, eliminando dalla sua piattaforma gli spot per il lancio di criptovalute. Più in generale, l’utilizzo di monete virtuali viene guardato con una certa diffidenza per le attività - più o meno - opache che si avvantaggiano dell’anonimato garantito dalle transazioni. Fra gli impieghi distorsivi ci sono il riciclaggio di denaro e il contrabbando di prodotti illegali.

Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni