Sicurezza e Privacy
Come proteggere la propria privacy online e navigare senza lasciare tracce
di Biagio Simonetta
Img Description

Navigare su Internet espone i nostri dati in modo abbastanza significativo. E succede nonostante le accortezze del caso e i nuovi regolamenti (come il GDPR). Per questo, in rete, si trovano tool in grado di massimizzare la tutela dei nostri dati durante la navigazione. A partire da quelli che offrono gli stessi browser.

Da Chrome a Safari, da Opera a Firefox e a Edge, tutti i browser disponibili sul mercato dispongono di una opzione di navigazione in incognito.

È una tipologia che consente all'utente di non lasciare tracce della sua navigazione sul dispositivo dal quale sta navigando: niente cronologia, niente cookie, niente dati inseriti nella compilazione dei moduli (come mail, indirizzi ecc.).

Per attivare la navigazione in incognito basta andare nel menu del browser dal quale si sta navigando e cliccare sulla voce “Nuova finestra di navigazione in incognito” o “nuova finestra privata”.

È una buona prassi, specie quando si naviga da computer non personali come quelli di un luogo pubblico o di un hotel.

Tuttavia, la navigazione in incognito non va confusa con la navigazione anonima, che è ben più efficace nella protezione dei nostri dati – perché camuffa anche il nostro indirizzo Ip - ed è effettuabile solo attraverso software specifici come Tor.

Per quanto riguarda le protezioni di sicurezza online, inoltre, esistono tool specifici come TunnelBear e Ghostery. Si tratta di programmi che hanno lo scopo di proteggere la privacy e garantire più anonimato online. TunnelBear crittografa principalmente la connessione internet generale, mentre Ghostery blocca i vari software che vogliono tener traccia della navigazione. Entrambe le piattaforme dispongono di versioni desktop e mobile.

Ma vediamole più nel dettaglio: TunnelBear è in sostanza un servizio di rete privata virtuale (VPN), ed è progettato per proteggere i dati trasferiti dal computer dell'utente su Internet. Funziona attraverso un server sicuro (a volte chiamato “tunneling”).

I dati trasferiti dal computer sono crittografati e la VPN può anche mascherare la posizione del computer o far pensare di essere connessi da un altro Paese. Utilizzando TunnelBear, si ha la sensazione che la connessione sia più lenta. Ma per i maniaci della privacy ha un senso, anche perché il software è totalmente gratuito.

Per quanto riguarda Ghostery, invece, questa è un'estensione gratuita che funziona con la maggior parte dei browser per bloccare gli annunci e i tracker Web. Il risultato è che la navigazione puà risultare meno profilata. Va detto che sempre più siti bloccano il caricamento dei loro contenuti quando riscontrano la presenza di estensioni come Ghostery o AdBlock.

Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni