Startup
Equity crowdfunding: nasce EquityStartup. Al suo fianco Intermonte Sim
Gianni Rusconi
Img Description

La sua missione è quella di operare da piattaforma di equity crowdfunding per finanziare le imprese. La sua peculiarità è invece quella di essere la prima in Italia a nascere per iniziativa di un'associazione di categoria istituzionale, e nella fattispecie AscomFidi Nord Ovest (la cooperativa di garanzia fidi costituita dall'Associazione del Commercio, del Turismo, dei Servizi e dei Trasporti della Provincia di Torino), patrocinata da Federascomfidi, la federazione dei confidi di matrice Confcommercio.

Oltre l'intermediazione del credito
Equity Startup nasce quindi per essere un ponte fra startup e Pmi innovative e gli investitori, ma funge anche da incubatore per quanto riguarda la disponibilità di servizi di consulenza che spaziano dalla redazione del business plan a quella dello statuto, dal supporto a livello amministrativo a quello legale e di comunicazione.
La piattaforma, ha spiegato in sede di presentazione del progetto alla stampa Carlo Nebiolo, Presidente di AscomFidi Nord Ovest, “è rivolta alle aziende e alle iniziative imprenditoriali che hanno idee per farle accedere a finanziamenti che non sia sinonimo di puro debito. Non vogliamo agire da soli intermediari del credito ma metterci al fianco delle imprese che necessitano di supporto patrimoniale per lo sviluppo della propria attività e dei propri progetti”.

Come funziona e perché è diversa dalle altre
Nella piattaforma è possibile investire direttamente online sia importi ridotti (poche centinaia di euro) sia cifre più consistenti, quando l'obiettivo è quello di valorizzare il capitale societario in un'ottica di medio/lungo periodo. Il massimale del finanziamento, come prevede la norma italiana, è di cinque milioni di euro e se l'offerente non raggiunge la somma totale richiesta, le somme raccolte verranno restituite agli investitori entro 15 giorni.
Il plus che cavalca EquityStartup, rispetto ad altre piattaforme di crowdfunding, non è solo la digitalizzazione dell'intero processo di investimento ma anche nella possibilità di attivare in modo del tutto certificato l'intestazione delle quote, una possibilità resa possibile da Intermonte Sim, una delle principali banche di investimento indipendenti italiane (che dalla sua porta in dote un pool di 170 investitori privati certificati).
Cosa significa questa opzione? Significa, per gli investitori, la possibilità di intestare a Intermonte le quote acquistate con un mandato fiduciario evitando la necessità di un atto notarile nel caso di cessione delle quote stesse (sarà sufficiente comunicare alla Sim il cambio di intestazione) ed aprendo la strada a quella che in EquityStartup vedono come la nuova frontiera del crowdfunding, e cioè la negoziazione dei titoli acquisiti e la conseguente apertura di un mercato secondario.

Le prime imprese finanziate
Sharing economy nel campo del travel, agricoltura green e fintech: questi i settori di intervento delle prime tre startup selezionate per l'accesso alla piattaforma, che arriverà ad ospitare altri quattro offerenti (Qubi, Belice Green, Busforfun e Kid Pass sono in fase di approvazione e complessivamente vorrebbero raccogliere oltre un milione di euro) entro la fine di giugno.
Indigenio è un tour operator “virtuale” che confeziona itinerari di viaggio su misura combinando le informazioni rese disponibili online dagli utenti della sua community. Di fatto un agente di viaggio personale con la prerogativa di guardare con estrema attenzione al fattore costi. La startup vuole raccogliere sulla piattaforma 60mila euro con una proiezione di fatturato di 46mila euro al 2017 e 300euro (aprendo all'Europa) nel 2018.
Forever Bambù, invece, ha il dichiarato obiettivo di produrre 20 tonnellate di germogli (di bambù) l'anno. All'interno di questo progetto, oggi attivo in due aree del Piemonte, operano cinque società agricole costituite in forma di srl e in cui i soci fondatori della startup hanno già versato oltre 700mila euro di capitale sociale. Il piano di espansione correlato alla campagna di crowdfunding, 395mila euro l'investimento aspettato, prevede il consolidamento del progetto con l'acquisto e la piantumazione di nuovi terreni.
Trapezita, infine, è una piattaforma di consulenza finanziaria di tipo “pop up trading”: non colloca cioè prodotti e servizi, e non gestisce transazioni, ma offre metodologie di investimento attraverso l'operatività di professionisti esperti in materia (private asset manager e analisti). Abbonandosi al servizio, l'utente può scegliere uno “strategist” e in base a un algoritmo proprietario riceve in tempo reale notifiche sull'attività di questi soggetti. L'obiettivo, a valle della raccolta su EquityStartup preventivata fra 180mila e 380mila euro, è quello di partire entro il primo semestre del 2017.

17 GIUGNO 2016
Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni