Attualita
Divorzio, stop all’assegno di mantenimento: in arrivo la riforma dell’affido condiviso
di Nicola Barone
Img Description

Cancellazione dell'assegno di mantenimento com’è ora, centralità della figura del mediatore familiare in caso di separazione con minori, affido “realmente condiviso” tra mamma e papà secondo il criterio della bigenitorialità perfetta. Ecco i cardini della riforma dell'affido condiviso proposta dall’alleanza giallo-verde presentata a Palazzo Madama dal senatore leghista Simone Pillon, primo firmatario del ddl.

Il provvedimento inizierà il suo iter in commissione Giustizia con lo scopo, in caso di separazione di una coppia, di non arrivare in tribunale. «La proposta è in adempimento al contratto di governo Lega-M5S» come ha spiegato Pillon si rivolgendosi idealmente alle coppie che non riescono a trovare un accordo e per le quali è stata confezionata la figura del mediatore culturale. Ma si tiene a precisare che la proposta di legge «non vuole favorire i padri o le madri, ma unicamente i minori. Il minore non deve essere infatti costretto a scegliere tra uno dei due genitori».

Il primo incontro con il mediatore familiare sarà gratuito. Poi, nelle sedute successive, l'onorario sarà fissato da tabelle ministeriali «rigidissime» (l'Albo nazionale dei mediatori sarà tenuto presso il dicastero della Giustizia). Per quanto riguarda l'affido, in particolare, «dovrà essere condiviso con tempi paritari tra padre e madre le parti potranno derogare da questa decisione di legge se hanno una visione comune, s e i genitori invece non riescono a trovare un accordo il giudice non potrà scegliere la madre o il padre, ma dovrà puntare a un affido condiviso», spiega nel dettaglio Pillon.

Altro punto chiave della riforma è il «piano genitoriale» attraverso il quale i genitori «programmeranno insieme un piano educativo per il figlio e si divideranno le spese». Spese «che non saranno al 50%, ma divise per capitoli, suddivise in base al piano genitoriale e attribuite a ciascuno dei genitori in base a criteri di proporzionalità». In questo modo secondo il proponente «verranno pagate direttamente le spese necessarie per il figlio» disinnescando criticità «che sorgono spesso sul tema del mantenimento». Infine è prevista la lotta all'alienazione genitoriale ovvero al rifiuto da parte del figlio di uno dei genitori. Nel caso ad avviso del senatore leghista potrebbe essere di aiuto la figura del coordinatore genitoriale, al fine di sostenere i bambini e mantenere il loro diritto ad avere rapporti sereni con papà e mamma. «In questa proposta - chiosa Pillon - le relazioni coniugali non vengono affrontate, interessano solo se hanno una ricaduta sul minore».

Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni