Attualita
Siae, Mogol eletto presidente: «Siamo in guerra contro le multinazionali»
di Francesco Prisco
Img Description

«Vita in te ci credo», recita uno dei testi più celebri del maestro Giulio Rapetti, in arte Mogol. Anche per uno che nella vita ci crede molto, coincidenze di questo tipo devono fare un certo effetto: a esattamente 20 anni e un giorno dalla scomparsa di Lucio Battisti, suo alter ego nella creazione di uno tra i più importanti canzonieri della musica leggera italiana, Mogol diventa il nuovo presidente del consiglio di Gestione della Siae, «governo» della Società autori ed editori, prendendo il posto di Filippo Sugar. Con lui, in qualità di consiglieri, Salvatore Nastasi, Roberto Razzini, Claudio Buja e Federico Monti Arduini.

Purgatori presidente del consiglio di Sorveglianza
Questo l’esito della riunione del consiglio di Sorveglianza dell’ente tenutasi oggi a Roma. Lo stesso «parlamentino» della Siae ha provveduto anche all’elezione di Andrea Purgatori a presidente del consiglio di Sorveglianza. Paolo Franchini è stato confermato nella carica di vicepresidente. Particolare che non sfuggirà agli osservatori più attenti delle vicende riguardanti il diritto d’autore: il nuovo consiglio di Gestione nasce da larghe intese. C’è dentro Razzini, presidente di Warner Chappel Italy e numero uno di Fem, associazione di editori che aveva sostenuto Sugar durante il suo mandato, e c’è anche Buja, presidente di Universal Music Publishing a capo di Emusa, associazione che nel passato recente sedeva ai banchi di opposizione.

Mogol presidente «di garanzia»
Mogol, eletto per acclamazione, incarna la figura di presidente di garanzia in grado di mettere tutti d’accordo tutte le anime della Società autori ed editori, in una fase molto delicata per il settore, con il ministro dei Beni culturali del governo giallo-verde Alberto Bonisoli che non ha mai fatto mistero di essere a favore della liberalizzazione. E non si tratta dell’unica partita aperta per il neo presidente Mogol: in ballo ci sono anche il procedimento per abuso di posizione dominante che l’Antitrust ha aperto nei confronti della Società autori ed editori e soprattutto la riforma del copyright in Parlamento europeo che potrebbe arenarsi.

Eloquenti le parele con le quali il presidente si è insediato. «Siamo in guerra: si sta attentando al diritto d’autore. Responsabili sono le multinazionali piene di miliardi. Ma spero tanto che vinceremo: loro hanno i miliardi e fanno attività di lobbying, noi abbiamo ragione». Mogol ha chiamato alle armi gli aventi diritto, auspicando il via libera dell’Europarlamento che voterà mercoledì 12. «È un problema di tutti, non solo della Siae: se la cultura dovesse soccombere davanti ai soldi, sarebbe grave per tutti, italiani ed europei». Il diritto d’autore, ha spiegato il nuovo presidente, altro non è che il compenso a 50mila creativi, di cui molti giovani. E il compenso medio di questi ragazzi è meno di mille euro al mese senza contributi».

La battaglia con i broadcaster: «C’è chi non paga»
Eletto alla guida della Società degli autori e editori «con voto unanime, cosa che fa particolarmente piacere», Mogol sente tanto più «la responsabilità di parlare chiaro, a gran voce, e di portare avanti una battaglia che, in caso di sconfitta, potrebbe avere conseguenze catastrofiche. La prima cosa che farò è invitare a un incontro tutte le società europee di incasso dei diritti per organizzare insieme una difesa valida ed efficace». Quanto alla concorrenza sul fronte interno, il neo presidente Siae intravede «il rischio che si ritratti tutto al ribasso, una tendenza che è già iniziata». Ma intanto ci tiene a sottolineare un concetto: «Chi regala il diritto d’autore è un ladro, perché regala qualcosa che non è suo». E promette: «C’è chi non paga la Siae. Per ora non faccio nomi. Poi li farò». Altra battaglia che il nuovo presidente dovrà affrontare è infatti quella con i grandi broadcaster.


Una vita per la musica leggera
Mogol ha iniziato la sua lunga carriera nei primi anni Sessanta, collaborando con grandi artisti del periodo come Mina, Bobby Solo, Tony Renis, Tenco, per raggiungere i massimi livelli dopo l’incontro con Lucio Battisti con il quale ha dato vita a grandissimi successi. Una collaborazione lunga e prolifica che si è portata dietro un ancora più lungo strascico di contenziosi con gli eredi del musicista. Il dopo-Battisti ha visto Mogol al fianco di Riccardo Cocciante, poi sono nate le collaborazioni con Gianni Bella, Mango, Gianni Morandi e Adriano Celentano. Ha fondato trenta anni fa la Nazionale Italiana Cantanti, progetto creato per raccogliere fondi a scopo benefico. Nel 1992 ha dato vita in Umbria al Cet, una scuola di alto perfezionamento musicale nata con lo scopo di valorizzare e qualificare principalmente nuovi professionisti della musica pop, persone sensibilizzate all’importanza della cultura popolare e alle esigenze etiche della comunicazione.

Purgatori, giornalista prestato al diritto d’autore
Quanto a Purgatori, nuovo presidente del consiglio di Sorveglianza, un giornalista, scrittore e sceneggiatore. Ha conseguito il Master of Science, Columbia University Graduate School of Journalism (New York, 1980). Special correspondent per il Corriere della Sera dal 1976 al 1998, si è occupato di terrorismo, intelligence e criminalità organizzata. È stato corrispondente di guerra in Africa, Medio Oriente e Balcani. Autore e conduttore di reportage e programmi televisivi per la Rai, attualmente conduce «Atlantide» su La7 e scrive per l’Huffington Post. Docente di sceneggiatura al Centro sperimentale di cinematografia e all’Accademia d’arte drammatica Silvio d’Amico, è membro del Direttivo dell’Accademia del cinema italiano e dell’European Film Academy. Presidente di Greenpeace dal 2014, è stato anche consigliere di gestione Siae in rappresentanza degli autori di cinema italiani.

Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni