Attualita
Di Maio si normalizza: «Non più antagonisti. Siamo dalla parte delle imprese»
Img Description

«Confermeremo Industria 4.0 e il taglio del cuneo si farà, è parte della riforma fiscale. Ora che non siamo più antagonisti, abbiamo lavorato dalla stessa parte del tavolo anche per cercare insieme soluzioni concrete alla massa di scadenze, reiterazioni e adempimenti. Per le agevolazioni favoriremo in particolare l’accesso delle piccole imprese». Il vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio parla delle misure cui sta lavorando per la legge di bilancio in una intervista al Sole 24 Ore in edicola oggi, che arriva pochi giorni dopo l’intervista all’altro vicepremier e ministro degli Interni, Matteo Salvini.

Tra le altre cose, dice Di Maio che «già a settembre sarà introdotta la cigs di 2 anni per i lavoratori di aziende che chiudono». Alitalia avrà «prevalente controllo pubblico». Su Telecom: no alla vendita di Sparkle.

Di Maio interviene anche rispetto al messaggio del Papa contenuto nell’intervista al direttore del Sole 24 Ore, Gentili. Messaggio fondato sulla centralità del lavoro e dell’impresa. «È un messaggio importante che noi recepiamo con grande attenzione e facciamo nostro come governo». E sul reddito di cittadinanza: «Chi ottiene il reddito di cittadinanza è obbligato a essere preso in carico dai centri per l’impiego e deve assicurare otto ore di lavoro al comune di residenza. Se chi percepisce il reddito rifiuta tre proposte di lavoro perde il reddito».

Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni