Parlamento
Via libera della Camera all’obbligo di seggiolini anti-abbandono in auto
di Nicoletta Cottone
Img Description

La commissione Trasporti della Camera, come annunciato dal relatore Carlo Fidanza di Fdi ai navigatori del sito del Sole24ore, ha approvato in sede legislativa il disegno di legge che prevede l'obbligo di montare i seggiolini salva bebè, con dispositivi acustici che rivelino la presenza del bambino a bordo dell'auto. Il provvedimento passa ora all’esame del Senato per il varo definitivo. La proposta di legge di iniziativa parlamentare (testo base di Giorgia Meloni esaminato con altri sei dicesgni di legge) traduce anche una delle priorità delle linee programmatiche del ministro Danilo Toninelli. Un primo risultato importantissimo per tentare di evitare tante tragedie dovute a una banale distrazione.

GUARDA IL VIDEO - In arrivo la legge sui seggilini anti-abbandono

Come funziona
Un segnale luminoso e uno acustico avviseranno i genitori della presenza del bambino in auto anche quando si spegne la macchina, per evitare che i bambini vengano dimenticati dentro l'abitacolo. Un piccolo dispositivo che può salvare tantissime vite.

Dell’Orco: è un primo passo improtantissimo
«Primo importantissimo passo in avanti, oggi in commissione Trasporti alla Camera, per la sicurezza stradale», ha detto il sottosegretario alle Infrastrutture e ai trasporti, Michele Dell'Orco. Ora il ministero auspica che la proposta di legge venga approvata in tempi brevissimi anche dal Senato, così da diventare legge a tutti gli effetti. Dovrebbe entrare orientativamente in vigore prima della prossima estate. Il ministro Toninelli ha anche ribadito l'impegno ad assicurare incentivi congrui per l'acquisto dei sensori “salva bebè”. Probabilmente già nella legge di bilancio.

Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni