Attualita
Atenei, Bankitalia: cresce la mobilità Sud-Nord, studenti puntano su corsi di qualità
di Alessia Tripodi
Img Description

La propensione degli studenti italiani a scegliere un'università lontana da casa non dipende tanto dalla distanza, quanto dalla qualità dei corsi e dalle prospettive occupazionali che l'ateneo di destinazione è in grado di offrire. E, in tal senso, le classifiche sulle performance delle università sono diventate un elemento sempre più strategico nella scelta del corso di laurea. Lo dice Bankitalia in un paper appena pubblicato, nel quale analizza la mobilità interregionale degli universitari sulla base dei dati dell'Anagrafe nazionale degli studenti.

I dati
Dal 2000 in poi, spiega il paper, la mobilità interregionale degli studenti è aumentata: in particolare, tra il 2007 e il 2015 il flusso di studenti da sud verso gli atenei del centro nord per l'iscrizione ai corsi triennali è aumentata di quasi il 10% , equivalente a quasi un quarto dei nuovi immatricolati nel 2015.
L'aumento, spiega Bankitalia, è avvenuto in un periodo di declino dei tassi di di ingresso nelle università e «non è attribuibile a un cambiamento della composizione degli studenti che si immatricolano». Le variabili che maggiormente influenzano i flussi di spostamento sono infatti la qualità della ricerca, della didattica e la spendibilità del titolo di laurea nel mondo del lavoro. Mentre la distanza dell'ateneo di destinazione ha un ruolo meno rilevante nel determinare le scelte degli studenti. Secondo Bankitalia, inoltre, la sempre maggiore importanza del "fattore qualità" nella scelta dei corsi dipende anche dalla disponibilità delle informazioni sulle performance degli atenei contenute nei ranking internazionali, che sono sempre più diffusi e sempre più specifici. E, anche se "misurare" la qualità dell'università non è così semplice, queste classifiche - sottolinea il paper - hanno contribuito a far passare il messaggio che atenei e corsi di laurea non sono tutti uguali.

Il nodo Sud
Secondo il documento di Bankitalia, l'aumento del flusso di studenti da sud a nord ha aumentato il ritardo degli atenei del Mezzogiorno, che hanno visto diminuire la loro attrattività. Una tendenza che, secondo Palazzo Koch, va affrontata con il potenziamento a livello centrale degli incentivi basati sulla qualità.

17 GIUGNO 2017
Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni