Prove
Un crossover ad alto tasso di personalizzazione
di Giulia Paganoni
Img Description

Farà la sua storia. Kia Stonic è un modello ex novo per il marchio coreano e per questo è necessario tempo per conoscerla e familiarizzare. Ha debuttato lo scorso anno e l’abbiamo provata in un long test per capirne carattere e spirito nella versione Energy con motore 1.6 litri diesel da 110 cavalli e costa 22.750 euro. Dal configuratore è arduo fare una scelta perché le possibilità di personalizzazione sono davvero tante, a partire dai tre allestimenti (Urban, Style ed Energy). Abbiamo provato la versione Energy, il top della gamma del piccolo suv crossover chenell’equipaggiamento comprende già cerchi da 17 pollici, color pack con dettagli cromatici (Orange, Lime o Grey), navigatore con touchscreen da 7 pollici con protocolli Android Auto e Apple Car Play, Kia Connected Services e aggiornamento mappe gratuito per 7 anni, pedaliera in alluminio, sedili in misto pelle e vari sistemi di assistenza alla guida. Molto apprezzato (e qui compreso) il sistema smart Key con Start Botton che permette di non perdere tempo nel cercare le chiavi per aprire e avviare l’auto. Insomma, una macchina completa di tutti gli optional per la comodità di bordo quotidiana.

Lunga 4.140 mm e larga 1.760 mm, Stonic ha dimensioni giuste per offrire versatilità e spazio a bordo. La carrozzeria nella versione bi-color che abbiamo provato si fa notare ma in modo discreto così come anche gli interni neri con dettagli colorati risultano piacevoli alla vista e funzionali all’uso, si sa che con i bambini la macchia è dietro l’angolo. Lo spazio a bordo è buono sia per i passeggeri anteriori che posteriori, ovviamente il terzo sta un po’ stretto con le gambe. Il bagaglio ha una capacità di 332 litri che raggiunge i 1.155 abbassando il divanetto posteriore. La motorizzazione provata è il 1.6 CRDi diesel da 110 cavalli abbinato al cambio manuale a sei marce. Un motore allegro già ai bassi regimi grazie alla coppia di 260 Nm disponibile a partire dai 1.500 giri. L’innesto delle marce sembra avere uno scatto, ma questo non compromette il piacere di guida, è una sua caratteristica riscontrata anche su altri modelli Kia. Nonostante sia un diesel, i consumi non sono sempre bassi, soprattutto in città.

Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni