Norme
Addio alla scheda carburante, ecco cosa cambia
di Giulia Paganoni
Img Description

Dal prossimo primo luglio 2018 la scheda carburante va in pensione. Al suo posto vengono potenziati i sistemi telematici di acquisto e certificazione dei costi, come carte di pagamento aziendali e fatturazione elettronica.

La legge di bilancio 205/2017 ha stabilito che dal mese di luglio verrà abolito il documento prestampato dando avvio a un cambiamento nelle modalità di pagamento delle spese.

Per prima cosa, per dedurre le spese di pagamento e Iva non sarà più possibile pagare con denaro contante bensì solo con strumenti di pagamento tracciabili come carte di credito, di debito e prepagate intestate all'azienda. Questo significa che i dipendenti non potranno più anticipare le spese per il carburante con strumenti di pagamento personali.

Tra gli strumenti che si trovano in prima fila per questo cambiamento si trova Soldo, azienda che si occupa del controllo e della gestione delle spese di trasferta e relative agli acquisti online.

Soldo, infatti, ha analizzato il cambiamento in arrivo con tutte le relative variabili proponendo servizi ad hoc. Per esempio, è possibile associare la targa del veicolo a i chilometri all'acquisto attraverso il gestionale web o l'app. Inoltre, non ci sono vincoli sui punti vendita; infatti, viene accettata in tutte le stazioni di servizi basata sul circuito Mastercard.

Infine, grazie alla tracciabilità dei pagamenti telematici, i responsabili finanziari sono in grado di monitorare e verificare in tempo reale ogni acquisto avendo un quadro preciso e aggiornato della situazione. In questo modo l'azienda può gestire i flussi di cassa in modo smart, garantendo da un lato autonomia di spesa ai dipendenti e dall'altro mantenendo il completo controllo sugli acquisti.

Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni