Cartech
Ecco l’auto del futuro (secondo Bosch). Riconosce il volto del guidatore ed è superconnessa
dal nostro inviato Mario Cianflone
Img Description

Las Vegas - Bosch presenta il suo concetto di auto al CES di Las Vegas, in programma dal 5 all'8 gennaio. L'azienda tedesca ha realizzato una concept car che include un lungo elenco di novità attese sulle auto del futuro, a partire dal riconoscimento veloce del volto e la personalizzazione dal momento in cui il guidatore sale in auto. Secondo Bosch la connettività trasformerà l'auto nel terzo spazio abitabile dopo casa e lavoro, aprendo così nuovi scenari per la vita a bordo.

Riconoscimento facciale
Grazie alla Driver Monitor Camera, appena saliti a bordo il sistema riconoscerà il guidatore e imposterà automaticamente il volante, gli specchi, la temperatura interna e la stazione radio a seconda delle preferenze personali. Attraverso il riconoscimento del volto il sistema rileva stanchezza o sonnolenza, inviando immediatamente un avvertimento di possibile pericolo.

Touchscreen 2.0
Tra le novità presenti sulla concept car prodotta da Bosch arriva il primo sistema di controllo dei gesti con feedback aptico. Sviluppata con Ultra Haptics, una start-up di Bristol nel Regno Unito, questa tecnologia utilizza sensori a ultrasuoni che percepiscono se la mano del guidatore è nella posizione corretta e poi fornisce un feedback al gesto che si compie. Grazie al touchscreen con feedback tattile, i pulsanti che appaiono sul touchscreen vengono percepiti come tasti reali.

Specchietti adattivi
Addio specchietti retrovisori tradizionali e benvenuta Mirror Cam System, ovvero una videocamera che sostituisce gli specchi esterni. Le immagini vengono visualizzate su dei display vicino ai montanti e, Inoltre, la tecnologia digitale permette di avere una visualizzazione specifica a seconda del percorso. Se la vettura si trova in autostrada, la videocamera si concentrerà principalmente dietro all'auto, mentre in città si avrà una vista più ampia. Tra le altre novità arrivano, per la prima volta, display OLED (diodo organico a emissione di luce) stati integrati nella plancia dell'auto.

Comunicazione a 360 gradi
Grazie al lungo elenco di sensori sarà la vettura a comunicare al guidatore quando si potrà selezionare la guida autonoma. Per passare all'auto la responsabilità della guida, l'automobilista dovrà premere due pulsanti sul volante per alcuni secondi. Durante la guida autonoma, l'interfaccia uomo-macchina mostrerà al guidatore ciò che rilevano i sensori ambientali dell'auto e quanto tempo rimane prima che debba ricominciare a guidare. Se passeranno ancora molti anni prima di vedere realmente auto a guida autonoma sulle strade, l'app Smart Home di Bosch presente sul concept potrebbe arrivare a breve. Grazie alla connessione internet, il guidatore potrà a distanza muovere le tende di casa o controllare se c'è abbastanza cibo in frigo. Tramite la pressione di un tasto, la app potrà trasmettere la lista della spesa al servizio di consegna a casa. Oltre alle comunicazioni domestiche, la vettura presenta in anteprima al CES un collegamento con le biciclette. Grazie ad esso, i veicoli possono costantemente scambiarsi informazioni sulla propria posizione e direzione di viaggio, riducendo notevolmente il rischio di collisioni.

Pagamenti elettronici
Attraverso l'ecosistema IoT, ovvero l'internet degli oggetti, Bosch ha sviluppato nuove soluzioni di pagamento elettronico tra cui una funzione standardizzata. Sono già stati firmati accordi necessari per rendere possibile tutto ciò con molti sistemi di pagamento, tra cui PayPal.

Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni