Europa
Da 23 Paesi ok alla Difesa comune europea
dal nostro corrispondente Beda Romano
Img Description

BRUXELLES – Ventitrè paesi europei hanno confermato oggi il desiderio di partecipare a una cooperazione rafforzata nel settore delicatissimo della difesa. La firma è avvenuta questa mattina a Bruxelles durante una riunione congiunta dei ministri della Difesa e degli Esteri. L’Alta Rappresentante per la Politica estera e di Sicurezza Federica Mogherini ha parlato di «giornata storica». Resta da capire se e quanto i paesi europei riusciranno a superare tradizionali divergenti interessi nazionali.

La clamorosa uscita del Regno Unito dall’Unione, l’instabilità del grande vicinato europeo, le ristrettezze finanziarie provocate dalla crisi economica e debitoria, il nuovo isolazionismo americano sono tutti fattori che hanno indotto i Ventisette a rilanciare la cooperazione militare. Nel 2016, a seguito di una riunione informale a Bratislava, i ministri degli Esteri si sono trovati d’accordo per applicare due articoli dei Trattati (il 42 e il 46) che prevedono l’istituzione di una cooperazione strutturata permanente (PeSCo).

L’atto di notifica da parte di 23 paesi su 27 (il Regno Unito si è escluso da solo) è giunto oggi. Il benestare del Consiglio con un voto a maggioranza qualificata è previsto in dicembre. Tutti i principali paesi della zona euro hanno firmato l'atto di notifica, tra cui la Germania, la Francia, l’Italia e la Spagna. Oltre al Regno Unito, i quattro paesi assenti sono la Danimarca, che ha un opt-out in questo campo, Malta, Portogallo e Irlanda. Quest’ultima dovrebbe rientrare in dicembre, superato un iter politico interno.

«È una giornata storica per la difesa europea» , ha detto Mogherini parlando alla stampa. Questo nuovo strumento «ci permetterà di sviluppare programmi di armamento o facilitare la messa a punto di operazioni esterne». Sessant’anni fa fallì la Comunità europea di Difesa, per la scelta della Francia che si rifiutò di partecipare a un progetto a cui avevavo aderito anche la Germania e i paesi del Benelux. Parigi optò per una politica nazionale della difesa, incentrata sulla force de frappe.

«Dopo 60 anni di attesa, in pochi mesi abbiamo fatto più lavoro e abbiamo percorso più strada di quella che era stata compiuta nei decenni precedenti», ha spiegato a Bruxelles la ministra della Difesa Roberta Pinotti, sottolineando la «spinta forte dovuta a una volontà politica nuova». La ministra ha anche rivendicato il ruolo giocato dall’Italia: «C’è stato il lavoro che abbiamo fatto con Germania, Francia e Spagna per mettere un po’ di benzina» alla cooperazione strutturata permanente.

Sono tre gli ambiti nei quali i 23 paesi dell’Unione si sono detti pronti a collaborare: gli investimenti nella difesa, lo sviluppo di nuove capacità, e la preparazione a partecipare insieme ad operazioni militari. Al di là dei fattori congiunturali appena citati, Brexit è stato un elemento determinante nel decidere di applicare gli articoli 42 e 46 dei Trattati: per decenni Londra ha ostacolato forme di cooperazione nel settore della difesa, per paura di perdere sovranità.

Il Consiglio dovrebbe dare in dicembre il suo benestare con un voto a maggioranza qualificata. La PeSCo si svolgerà su due piani. Il primo è quello politico, a livello di Consiglio, dove si prenderanno le decisioni di indirizzo. Voteranno solo i paesi partecipanti alla PeSCo e le scelte verranno prese all’unanimità (salvo le decisioni sulla sospensione o sull’arrivo di vecchi o nuovi membri, per i quali il voto è a maggioranza qualificata). Il secondo livello riguarda i singoli progetti, raggruppando solo i paesi partecipanti.

«Il Servizio europeo per l'Azione esterna sta già studiando una cinquantina di progetti presentati a Bruxelles», spiega un esponente comunitario. La PeSCo potrà beneficiare di due strumenti. Il primo è la Revisione coordinata annuale della Difesa (nota con l'acronimo CARD), che serve ad analizzare efficienze ed inefficienze nelle spese militari nazionali e quindi europea. Il secondo strumento, finanziario questa volta, è il Fondo europeo per la Difesa, istituito dalla Commissione.

Questo fondo dovrebbe avere a disposizione 5 miliardi di euro e servirà a finanziare progetti concreti. Altro denaro dovrebbe giungere dai bilanci nazionali e dal bilancio comunitario. La Gran Bretagna non parteciperà alla cooperazione rafforzata, ma spera di contribuire da un punto di vista tecnico. «Siamo come un contrafforte pronto a sostenere la cattedrale», ha detto il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson con una immagine colorita tratta dall’edilizia gotica del Medio Evo.

Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni