Industria-Finanza
«Basicnet trainata dall’export, utili netti verso il raddoppio»
di Giulia Crivelli
Img Description

Leapfrogging, una delle molte parole inglesi composte praticamente intraducibili nella nostra e in altre lingue. O meglio, per tradurla serve un’intera frase: fare un balzo in avanti simile a quelli che solo le rane (e forse i canguri) sono capaci di fare. Per indicare un’azienda che corre veloce, con ricavi e utili in forte crescita, si parla spesso di lepri. Nel caso di BasicNet, quotata alla Borsa di Milano, è più adatta l’espressione inglese: nel primo semestre 2018 le vendite sono salite “solo” del 7%, sfiorando i 400 milioni di euro, ma l’utile netto consolidato ha fatto un balzo dell’87%, arrivando a 6,5 milioni.

Da record anche gli altri due indici di redditività, ebit (+88,5% a 10,1 milioni) ed ebitda (+54,9% a 13,1 milioni). L’unica altra azienda quotata che nel periodo gennaio-giugno ha avuto un andamento simile è Gucci, che ha trainato i conti della controllante Kering. Ma il confronto è un po’ forzato: BasicNet ha in portafoglio, tra gli altri, Superga, K-Way, Kappa e Sebago, tutti marchi del segmento casualwear e sportswear. Gucci è un brand di alta gamma e appartiene al secondo gruppo del lusso al mondo. Tra i suoi “compagni di portafoglio” ci sono Bottega Veneta, Saint Laurent e Pomellato. E comunque, come Gucci nessuno mai: nel primo semestre l’utile della maison è salito del 62% a 1,47 miliardi, i ricavi sono cresciuti del 44,1% a 3,8 miliardi, traguardo che fa di Gucci il terzo brand globale del lusso dopo Louis Vuitton e Chanel.

Gianni Crespi, amministratore delegato di BasicNet, è il primo a non voler fare paragoni con l’alto di gamma. E preferisce non usare il termine moda: «Marco Boglione, fondatore e presidente del gruppo, se lo ripete e ce lo ripete ogni giorno. Non dobbiamo dimenticare che il nostro mondo è il casualwear e lo sportswear. I legami con l’industria del fashion e i suoi protagonisti esistono e negli ultimi anni si sono intensificati. Se però perdiamo di vista il Dna, le fonti che ispirano e danno un senso a Superga, K-Way, Kappa e all’ultimo arrivato, Sebago, non abbiamo futuro».

Ben venga la razionalità, ma un semestre come quello appena archiviato da BasicNet qualche brivido potrebbe darlo: «È un momento magico per il gruppo. I fattori esterni non sono mai stati tanto favorevoli – ammette Crespi –. Il mondo intero ha abbracciato un modo di vestire più rilassato e le giovani generazioni non parlano che di streetwear. Gli oggetti del desiderio sono i capi e gli accessori che richiamano quel mondo, a sua volta legato a doppio filo alla musica e a rapper, youtuber, trapper e... sicuramente dimentico qualcosa, non sono un Millennial (ride)». L’ad di BasicNet però ricorda a se stesso che a volte non bastano le condizioni esterne, che potremmo anche chiamare fortuna. «È successo in passato, a noi e ad altre aziende e marchi, di non vedere arrivare una macro tendenza o di non essere preparati a coglierla – sottolinea Crespi –. Il rischio è adattare strutture produttive e distributive in modo affrettato, senza una vera strategia se non quella di soddisfare la domanda del momento. Noi abbiamo colto il desiderio dei consumatori e dedicato ogni energia a rendere il nostro casual e streetwear sempre più appetibile e originale. Più che di fortuna parlerei di tempismo». C’è poi un’altra spiegazione del momento magico di BasicNet: anche in anni difficili, l’azienda ha continuato a investire in ricerca&sviluppo e non ha mai messo in discussione il modello “leggero” ideato da Boglione, basato su un sistema di licenziatari per la produzione e la distribuzione dei marchi messi, in rete grazie a investimenti in piattaforme informatiche che sono da sempre la passione e fissazione del fondatore.

«Alcuni pilastri della strategia e della filosofia aziendale non hanno bisogno di revisione, come appunto la conoscenza del Dna e la natura connessa dei processi produttivi – aggiunge l’ad di BasicNet –. Su altri fronti abbiamo introdotto cambiamenti: né io né Boglione pensiamo di essere infallibili o di avere bacchette magiche. Superga è un caso emblematico: per circa due anni abbiamo lavorato alla riqualificazione dei punti vendita, tagliando grossisti che diminuivano il valore del brand. La prima conseguenza è stata una perdita di fatturato, ma ora vendiamo di più in negozi monomarca o multimarca di grande qualità. Non dico che siamo diventati una sneaker di lusso, ma quasi. Insieme al posizionamento, per questi prodotti, si alzano i margini». Sul secondo semestre e sulla prima metà del 2019 Crespi e Boglione sono ottimisti: gli ordini per la primavera-estate del prossimo anno sono già stati raccolt, con crescite a due cifre per tutti i brand. «Gioca a nostro favore l’equilibrio tra mercati – aggiunge Crespi –. L’export ha superato l’80%, siamo presenti in 130 Paesi. Un calo o addirittura una crisi in un’area è compensata dal buon andamento in un’altra. Non posso prevedere come si evolverà la situazione in Turchia o in Medio Oriente. Né faccio ipotesi sulle guerre commerciali tra Stati Uniti e Cina ed Europa. Ma resto positivo:l’indebitamento finanziario si è ridotto a 57,2 milioni rispetto ai 61,5 del 31 dicembre 2017, dall’inizio dell’anno il titolo ha guadagnato quasi il 10% e prosegue il buy back. Nel semestre si sono acquistate azioni proprie per 1,6 milioni e pagato dividendi per 3,3 milioni.».

Crespi non vorrebbe quasi citarli, gli ulteriori fattori che spingono a una visione positiva del futuro a breve e medio di BasciNet. Ma poi lo fa. «L’arrivo di Ronaldo a Torino, il circolo virtuoso che ha innescato nella serie A; le Olimpiadi di Tokyo del 2020 e quelle invernali del 2022 a Pechino; l’obiettivo del presidente Xi Jinping di far diventare la nazionale cinese di calcio la più forte al mondo entro il 2025, massimo 2030. E ancora: i successi italiani in sport considerati minori, come nuoto e atletica e l’avvicinarsi della Coppa America di vela. BasicNet è pronta – conclude Crespi –. Investiremo in sponsorship tecniche, di immagine e soprattutto trasferiremo nelle collezioni di tutti i marchi lo spirito dello sport, dell’aria aperta, della voglia di vivere e, naturalmente, del vestire comodi».

16 AGOSTO 2018
Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni