Obbligazioni
Bond Italgas verso una doppia tranche da 1,6 miliardi
Celestina Dominelli|
Img Description

La prima tappa scatterà domani quando i vertici di Italgas voleranno a Parigi per l’avvio del road show in vista del debutto sul mercato primario della società guidata da Paolo Gallo. Ad attendere il management per una fitta agenda di incontri - dopo Parigi, sarà la volta di Londra, Amsterdam, Monaco, Francoforte e Milano a chiudere giovedì - ci saranno un centinaio di potenziali investitori a conferma del notevole interesse per la prima emissione dell’azienda torinese che ha incaricato un pool di istituti (Banca Imi, UniCredit, Mediobanca, Jp Morgan, Bnp Paribas e Sg Cib) di predisporre il programma nelle principali piazze europee.

Lo schema definitivo sarà deciso a valle del road show, tenendo conto del feedback degli investitori, ma, secondo fonti finanziarie, in rampa di lancio ci sarebbero due emissioni per complessivi 1,5-1,6 mliardi: una prima tranche, con scadenza 10-12 anni, che dovrebbe aggirarsi tra 800 milioni e un miliardo, e una seconda, a 5-7 anni, la cui size sarebbe compresa tra 500 e 700 milioni. Il quantum, come detto, sarà definito al termine degli incontri, come pure la tempistica: se tutto filerà liscio e se il mercato non riserverà brutte sorprese, il lancio potrebbe avvenire già venerdì o, al più tardi, all’inizio della settimana successiva. E, se non ci saranno particolari scossoni e l’interesse si confermerà alto come nelle settimane di preparazione del tour, non è da escludere che la società decida di piazzare entrambe le tranche.

D’altro canto, il piano Emtn (Euro Medium Term Note) approvato dal board a metà ottobre ha concesso a Italgas ampio margine di manovra considerato che da lì è arrivato il via libera a un programma di emissioni a medio e lungo termine fino a 2,8 miliardi di euro, da collocare entro il prossimo 31 ottobre, in modo da rispettare il cronoprogramma dettato dal maxi-finanziamento bancario da 3,9 miliardi di euro che, come si ricorderà, Italgas ha ottenuto all’atto dello spin off da Snam e che è costituito, tra l’altro, da un bridge to bond da 2,3 miliardi con una maturity fino a 2 anni. E, proprio per cominciare a rimborsare il prestito ottenuto dagli istituti, l’azienda si prepara al suo esordio, su cui, appare chiaro, diversi investitori in giro per l’Europa hanno acceso un faro attratti dalle certezze di un business regolato, dalla solida struttura finanziaria e dai piani della società, decisa a consolidare la sua leadership nel mercato italiano della distribuzione del gas, entro e al di là dei 113 Atem (ambiti territoriali minimi, cioè i bacini delle gare definiti da Mise e Authority per l’energia) già presidiati. In 70 di questi, già oggi Italgas controlla una fetta di mercato superiore al 25% (oltre il 50% in 40 ambiti), in altri 45 è sotto questa soglia e punta quindi a consolidarsi ulteriormente per arrivare a controllare il 40% del mercato nazionale (rispetto alla quota attuale del 34%).

Il primo banco di prova sarà rappresentato da Torino 2. La presentazione delle offerte si sarebbe dovuta celebrare già a fine dicembre, ma la deadline è slittata al 27 febbraio. Poi scatterà il turno di Venezia (fine marzo), Verona (30 aprile) e Belluno (30 giugno), solo per citarne alcune, dopo che Milano avrà aperto le danze il prossimo 16 gennaio. La società non parteciperà all’affidamento per il capoluogo lombardo, ma è chiaro che, come altri operatori, guarda con attenzione a questa scadenza nella speranza che non subisca rinvii e faccia in qualche modo da traino alle altre gare.

Quanto al piano di installazione dei nuovi contatori intelligenti, altro tassello cruciale nel futuro di Italgas, l’azienda aveva già installato oltre un milione di “smart meter” a fine 2016 e conta, nel prossimo biennio, di procedere con altri 1,3 milioni di contatori l’anno, per ultimare poi l’installazione dei 4,7 milioni previsti per il retail e dei 40mila per grandi consumatori entro il 2020 in linea con la tabella di marcia annunciata a Londra, a fine ottobre, in occasione del Capital Markets Day.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

DOMENICA 08 GENNAIO 2017
Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni