Musica
Da The War on Drugs agli Editors: a Torino i giorni di «Todays Festival»
di Francesco Prisco
Img Description

L’estate volge al termine, appuntamento a Torino. Come l’anno scorso il meglio dell’indie italiano e internazionale dal 24 al 26 agosto sarà al centro della quarta edizione di «Todays Festival»: da The War on Drugs ai Mogwai, dagli Editors a Cosmo, passando per King Gizzard and The Lizard Wizard ed Echo & the Bunnymen. Cartellone riccho e proposta ambiziosa per una piazza che risponde sempre con grande entusiasmo agli eventi di qualità. Insomma: ci sono davverso tutti i presupposti per superare la quota dei 30mila spettatori registrati nell’edizione 2017.

Partenza con The War on Drugs
Si parte venerdì 24 da Spazio211, dove si esibiranno The War on Drugs, in vetta alle classifiche mondiali, trionfatori all’ultima edizione dei Grammy Awards con A Deeper Understanding incoronato Best Rock Album, già headliner nei più importanti festival del pianeta. Quella di Torino, per loro, è l’unica data italiana. Stesso dicasi per King Gizzard and The Lizard Wizard, curiosi personaggi degni della migliore tradizione del garage psichedelico. Ma occhio anche agli altri set del Festival: all’ex Fabbrica Incet, per esempio, si alterneranno il duo londinese Mount Kimbie, con il loro cocktail elettronico urbano di dubstep, new wave, kraut e post-rock, e i milanesi Coma Cose, tra le rivelazioni dell’anno con il loro hip hop dalla spiccata attitudine indie.

Il post rock dei Mogwai
Sabato 25, Spazio211 a trazione British con il post rock dei Mogwai, tra le band d’avanguardia più apprezzate della scena underground internazionale. Direttamente dal pantheon del post punk anni Ottanta arrivano Echo & the Bunnymen, tre dischi d’oro e 13 album di successo nel curriculum, pronti a gettare in pasto al pubblico il nuovo lavoro, The Stars, The Oceans & The Moon. A tenere alto il tricolore ci penserà Colapesce, cantautore catanese e «infedele». All’Ex Fabbrica Incet, invece, si balla con il synth pop di Cosmo.

Dove osano gli Editors
Gran finale, domenica 26, con gli Editors, oltre 2 milioni di dischi venduti nel mondo, numerose nomination ai Brit Awards e un nuovo album adrenalinico, Violence, già acclamato dalla critica mondiale e ai primi posti delle classifiche. Prima di loro sul palco salirà̀ l’eccentrico mago del weird pop americano Ariel Pink, tra le figure più sfuggenti della nuova psichedelia. Nel pomeriggio al parco urbano Peccei, per gli appassionati del genere si segnala l’apparizione di Myss Keta. Rigorosamente mascherata.

Hai raggiunto il limite di 10 articoli gratuiti disponibili questo mese.
Abbonati a Il Sole 24 Ore Mobile per avere accedere illimitatamente a tutti i contenuti del sito mobile
Inserisci il tuo numero di cellulare per attivare l'offerta o, se sei già abbonato, per continuare a leggere.
Altre informazioni